Pubblicato il

Piperina: cos’è benefici e controindicazioni

La piperina è ormai molto conosciuta anche grazie a prodotti famosi come Piperina e Curcuma Plus di Natural Fit, si tratta di un alcaloide del pepe nero e le sono stati riconosciuti diversi benefici. Principalmente si assume sotto forma di integratori alimentari e le sono attribuiti effetti termogenici ossia regolatori del metabolismo, dimagranti e anche coadiuvanti nel bruciare i grassi. Tuttavia è un bene sapere come funziona, cos’è, come impiegarla e quali sono i reali effetti benefici e le eventuali controindicazioni. Scopriamo insieme tutto sulla Piperina.

Cos’è la piperina

La famosa piperina è una sostanza organica, prevalentemente di origine vegetale, ricavata dal pepe nero (un alcaloide dello stesso). Non stupisce che questa spezia sia utilizzata molto spesso anche nella medicina Ayurvedica proprio perché sono diverse le sue proprietà benefiche. Più specificatamente la piperina è quella sostanza cristallina, quasi impercettibile ad occhio nudo, che riveste la parte esterna del pepe e può apparire o di un tenue giallo o addirittura incolore. La piperina è contenuta nel pepe nero in una percentuale variabile dal 5 all’8% ed è proprio la sua quantità e presenza a fornire al pepe il caratteristico sapore piccante e talvolta pungente.

piperina e curcuma plus


In commercio è disponibile in diversi integratori alimentari con un’estrazione dal pepe nero al 100% naturale, anche in molti preparati che contengono un estratto del pepe con una concentrazione di piperina che non supera però il 90% o ancora come piperina pura.
Pensate che nel 1820 furono condotti i primi studi sulla piperina da un chimico danese di nome Hans Christian Ørsted dell’Università di Copenaghen. Egli riuscì con successo ad isolarne la piena struttura molecolare comprendendo meglio tutte le qualità realmente contenute in questa spezia. Bisogna dire però che la piperina era già ampiamente utilizzata, ad esempio nella medicina cinese che la riteneva utile per disturbi articolari, angina, patologie cardiache, gangrena e vari problemi dell’apparato gastrointestinale come la diarrea, la stipsi e la digestione lenta.
Questo è il passato, ma nel presente cosa apporta realmente al nostro organismo? Scopriamolo insieme.

Benefici e Controindicazioni della piperina

L’impatto che la piperina ha sull’organismo umano è sicuramente elevato e scientificamente provato attraverso diversi studi scientifici.

Benefici della piperina


I più noti effetti benefici sono:
• Incremento della secrezione gastrica e salivare per una migliore digestione
• Aiuto nell’assorbimento intestinale di moltissimi nutrienti
• Proprietà antiossidanti
• Accelerazione dei tempi di transito intestinale
• Stimolazione della pigmentazione cutanea
• Incremento di serotonina e dopamina
• Azioni termogeniche che aiutano a bruciare i grassi.
Cerchiamo di capire meglio questi aspetti benefici. Il fatto che la piperina incrementi la secrezione della saliva e la secrezione gastrica, stimola l’organismo ad una corretta digestione fungendo anche da coadiuvante nell’assorbimento intestinale dei nutrienti che servono come il betacarotene, il coenzima Q10 e molti altri. 


L’azione antiossidante che svolge è molto interessante poiché rallenta l’invecchiamento grazie al contrasto dei radicali liberi. Aiuta nei processi flogistici ed è espettorante, pertanto può ridurre e talvolta eliminare processi infiammatori. Ha un’azione diuretica quindi depura l’organismo da eventuali tossine accumulate e in eccesso e incrementando il livello di energia influisce positivamente anche sulla tonicità di mente e corpo.
Come sappiamo, spesso la stitichezza è causata da una carenza di fibre, la piperina oltre ad agevolare l’assorbimento dei nutrienti utili riesce a migliorare anche il transito intestinale favorendo uno stato di benessere e ritrovata regolarità a tutto l’apparato gastrointestinale.
Se come abbiamo anticipato, la piperina è in grado di stimolare l’assorbimento di betacarotene, allora c’è un’altra cosa importante che verrà a sua volta stimolata: la produzione di melanina. Questo processo favorisce l’abbronzatura in modo del tutto naturale grazie alla sollecitazione della pigmentazione cutanea.
Da questo ne deriva un aiuto a combattere stati depressivi poiché si aumenta automaticamente la produzione di dopamina e serotonina: due neurotrasmettitori fondamentali per il buon umore.
Prima di passare ad altri importanti effetti benefici, vi starete chiedendo se la possono assumere tutti.

Controindicazioni della piperina


Le controindicazioni della piperina sono nulle se assunta tramite il consumo di pepe, vista la percentuale presente, sempre a patto che non vi siano intolleranze alla spezia stessa. Tuttavia se invece si scelgono gli integratori a base di piperina, questi andranno presi massimo per 1 mese e poi sospesi per un tempo uguale alla durata del trattamento, quindi sempre per 1 mese. Poi potrete riprenderli e sospenderli nella stessa modalità descritta. 
Negli integratori, la dose e concentrazione pura di piperina è comunque alta pertanto è sconsigliato l’uso a chi soffre di:
• ipertensione arteriosa
• ulcera
• gastrite
• emorroidi
• reflusso gastroesofageo.

Anche le donne in stato di gravidanza dovrebbero astenersi e, in ogni caso, ricordiamo che come per qualunque altro integratore è sempre meglio chiedere un parere al proprio medico di famiglia. 

La piperina fa dimagrire?

Ed eccoci all’effetto benefico che, forse, interessa molte persone. La risposta è sì, sempre tenendo conto che non è sufficiente assumere la piperina per dimagrire, dovrete comunque condurre uno stile di vita sano sia a livello alimentare sia di attività fisica. Tuttavia è stata ampiamente dimostrata l’azione termogenica della piperina: favorisce un metabolismo migliore e aiuta a bruciare i grassi. Questo porta naturalmente a dimagrire, persino in passato era impiegata per contrastare diversi disordini metabolici riscontrando anche un effetto tonificante.
Se ne deduce che la piperina non porta al dimagrimento solo perché aiuta a bruciare i grassi stimolando il metabolismo, ma anche per la capacità di contrastare la formazione dell’adipe (cellule adipose). Velocizzando la digestione aiuta anche a tenere a bada la famosa fame nervosa.