La piperina blocca la formazione di cellule adipose. qui la ricerca

La ricerca che vi riportiamo come fonte, ha studiato l’attività antiaipogenica dell’estratto di pepe nero e della sua piperina costituente nei preadipociti 3T3-L1, nonché i meccanismi molecolari sottostanti.

Sia l’estratto di pepe nero che la piperina, senza influenzare la citotossicità, hanno fortemente inibito la differenziazione degli adipociti delle cellule 3T3-L1. L’espressione di mRNA dei principali fattori di trascrizione adipogenica, PPARγ, SREBP-1c e C / EBPβ, era marcatamente diminuita.

Curiosamente, anche i livelli di mRNA dei geni target di PPARγ sono stati down-regolati. Inoltre, un saggio reporter della luciferasi ha indicato che la piperina reprime significativamente l’attività trascrizionale di PPARγ indotta da rosiglitazone.

Infine, i test GST-pull down hanno dimostrato che la piperina interrompe l’interazione rosiglitazone-dipendente tra PPARγ e il coattivatore CBP. L’analisi a livello genomico mediante microarray supporta ulteriormente il ruolo della piperina nella regolazione dei geni associati al metabolismo dei lipidi.

Nel complesso, questi risultati suggeriscono che la piperina, un componente importante del pepe nero, attenua la differenziazione delle cellule grasse regolando l’attività di PPARγ down-regulation e sopprimendo l’espressione di PPARγ, portando così al potenziale trattamento per le malattie legate all’obesità.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi