Posted on

Garcinia cambogia controindicazioni e tiroide

garcinia cambogia controindicazioni

Assumere garcinia cambogia ha sicuramente tanti effetti benefici, ma non deve essere assunta da soggetti non sani, donne in stato di gravidanza o allattamento perchè potrebbe non interagire bene nei soggetti che assumono tra le altre cose:

  • Farmaci per asma e allergie come
  • Farmaci per il diabete, comprese pillole e insulina
  • Ferro, per l’anemia
  • Farmaci antidolorifici
  • Prescrizioni per condizioni psichiatriche
  • Statine, farmaci che abbassano il colesterolo
  • diversi anticoagulanti

Inoltre garcinia cambogia non può essere usato se si hanno problemi ai reni o al fegato.

Garcinia cambogia e tiroide

Se hai problemi di Tiroide, e ti stai chiedendo se poter consumare la Garcinia Cambogia sei nel posto giusto. In effetti, secondo i dati forniti dalla Società Italiana di Endocrinologia, sono circa 6 milioni gli italiani che soffrono di patologie o problemi relativi alla tiroide. tale ghiandola, è adibita al processo fisiologico della trasformazione di sostanze nutrienti in energia, ed è dunque indicata come ghiandola fondamentale per regolare il metabolismo. Spesso infatti, l’aumento di peso corporeo è legato alla disfunzione della tiroide, detto ipertiroidismo. Per tale motivo, non essendo una sostanza curativa l’integratore di carcinia, consigliamo di ascoltare opinioni mediche e di affidarsi al proprio medico curante per contrastare quella che è una vera e propria patologia.

Sarà il vostro medico infatti, a consigliarvi e stabilire se l’acido idrossicitrico (HCA) possa essere realmente in grado di stimolare gli ormoni tiroidei.

Posted on

Garcinia cambogia proprietà benefici effetti collaterali

Integrare la dieta con Garcinia cambogia può migliorare i processi fisiologici in soggetti in buono stato di salute legati all’utilizzo del glucosio, lo zucchero del quale le cellule hanno bisogno per produrre energia. I topi che hanno assunto garcinia cambogia durante uno studio ,avevano livelli di insulina più bassi rispetto ai topi che non lo facevano. Questa è un’altra ragione, oltre alla perdita di peso, che le persone con diabete potrebbero essere interessate ad informarsi sulla garcinia cambogia e i suoi effetti benefici. Tuttavia, è sconsigliato assumere garcinia cambogia insieme a farmaci per controllare il livello di zucchero nel sangue, il glucosio potrebbe diventare pericolosamente basso.

Alcune ricerche hanno scoperto che la garcinia cambogia può anche migliorare i livelli di colesterolo, abbassando i trigliceridi e LDL (il colesterolo “cattivo”) e aumentando l’HDL (il colesterolo “buono”). Ma non deve essere assunta se si è gia in cura per il colesterolo.

garcinia cambogia effetti collaterali

Quando si assume garcinia cambogia, si potrebbero notare diversi sintomi, per questo va sottolineato che va assunto soltanto da persone sane perchè gli integratori non sono sostanze curative, ma bensì prodotti utili ad ottimizzare i naturali e ben funzionanti processi fisiologici. Si potrebbero notare di conseguenza:

  • Vertigini
  • sensazione di bocca secca
  • Mal di testa
  • eruzioni cutanee
  • abbassamento della glicemia
  • raffreddore
  • disturbi digestivi o diarrea
  • Sintomi maniacali
    Nel 2009, la Food and Drug Administration ha avvertito tutti di smettere di usare un prodotto per la perdita di peso che conteneva garcinia cambogia perché alcune persone che lo prendevano avevano avuto gravi problemi al fegato. Il prodotto aveva anche altri ingredienti, quindi non fu chiarito se fosse proprio la garcinia cambogia ad essere l’agente scatenante di tali patologie. Mentre alcune ricerche dicono che il supplemento è sicuro per il fegato, altre ricerche dicono di no, di conseguenza, per evitare complicazioni epatiche si suggerisce di acquistare garcinia cambogia sotto qualunque forma, di qualunque produttore, solo dietro supervisione e consiglio del proprio medico curante.
Posted on

Garcinia Cambogia funziona?

“Alcuni studi hanno dimostrato che l’HCA blocca un enzima che trasforma lo zucchero in grasso”, ha detto Catherine Ulbricht, farmacista senior del Massachusetts General Hospital di Boston e co-fondatrice di Natural Standard Research Collaboration, che esamina le prove su erbe e integratori.Alcuni studi dicono che HCA funziona, e alcuni dicono che non funziona. Studi sugli animali condotti sull’HCA hanno dimostrato che i topi che assumevano la sostanza mangiavano meno, perdevano peso e producevano meno grassi dallo zucchero.

Gli studi sull’uomo hanno avuto risultati più contrastanti. Uno studio sulla perdita di peso non ha mostrato alcuna differenza tra le persone che hanno assunto Garcinia cambogia e quelli che hanno assunto una pillola differente. Altri studi invece, hanno evidenziato il collegamento che esiste tra l’HCA e la perdita di peso e livelli lipidici minori nel sangue.

Ovviamente, ha affermato Ulbricht, sono necessari altri studi clinici ben progettati prima di poter trarre conclusioni definitive.

Ma i risultati effettivi relativamente parlando di perdita di peso non sono stati così impressionanti. Una recensione medica pubblicata nel Journal of Obesity ha rivelato che le persone che hanno assunto garcinia cambogia negli studi hanno perso circa 2 chili in più rispetto alle persone che non l’hanno assunto. Gli studiosi però, non potevano affermare con certezza che la perdita di peso fosse dovuta proprio all’assunzione di integratori a base di garcinia. Potrebbe essere stato un risultato dato dalla dieta ipocalorica e dai programmi di esercizio seguiti che hanno ovviamente dato risultati differenti da persona a persona. Sono necessari studi migliori per scoprire se l’HCA possa aiutare davvero le persone a perdere molto peso e a non riprendere più i chili in eccesso persi.

Garcinia Cambogia come funziona?

Per chi vuole perdere peso e riuscire a seguire una dieta alimentare per dimagrire, sembra che il principio attivo contenuto nella buccia di garcinia cambogia, l’acido idrossicitrico o HCA, abbia aumentato il consumo di grassi e ridotto l’appetito nei sogetti sottoposti a studi scientifici negli Stati Uniti. Sembra anche avere la capacità di bloccare un enzima chiamato citrato liasi, che il corpo usa per produrre il grasso. In base agli studi sembrerebbe anche che garcinia cambogia riesca ad aumentare i livelli di serotonina, ed è per questo che riesce a far provare un senso di sazietà in chi assume integratori di garcinia cambogia.

L’acido idrossicitrico o HCA

L’acido idrossicitrico o HCA (dall’inglese hydroxycitric acid) è un derivato dell’acido citrico, presente in alcune varietà di piante tropicali come la Garcinia cambogia e l’Hibiscus sabdariffa. Studi di laboratorio e su animali hanno ottenuto risultati dimostranti una sua potenziale azione modulatrice sul metabolismo dei lipidi. Tuttavia, studi clinici hanno dimostrato che l’HCA non ha alcun effetto sulla perdita di grasso o sulla riduzione della massa grassa.[3] Una meta-analisi pubblicata nel 2010 ha dimostrato che i consumatori di acido idrossicitrico sono due volte più esposti al rischio di effetti gastrointestinali avversi. Il consumo di acido idrossicitrico è sconsigliato ai pazienti che soffrono di colite o malattie infiammatorie croniche intestinali. Inoltre è sconsigliata l’assunzione dell’acido idrossicitrico nei pazienti che risultano affetti dalle patologie: Alzheimer, demenza senile e diabete.

Posted on

Garcinia Cambogia cos’è e a cosa serve

Garcinia Cambogia cos’è?

Il frutto conosciuto con il nome di garcinia cambogia, chiamato anche tamarindo di malabar, cresce nel sud-ovest dell’India, in Myanmar e in Indonesia. Dove la scorza del suo frutto viene utilizzata per aromatizzare il pesce e per conservare il cibo. Il tamarindo di Malabar era un tempo il cugino meno popolare di un frutto alla moda, il mangostano. Ma ora, grazie al mercato degli integratori alimentari sono stati commercializzati tantissime tipologie di integratori dimagranti, contenenti estratti di Garcinia cambogia che pubblicizzati come rimedio alla fame, sono diventati di moda tra le persone che vogliono tenere sotto controllo l’aumento di peso corporeo.

La garcinia cambogia è di colore rosso o giallastro delle dimensioni di un’arancia, ed ha la forma di una zucca. Le persone hanno a lungo usato le scorze  essiccate per il curry e talvolta come aiuto per problemi di stomaco. Ma alla fine degli anni ’60, gli scienziati hanno identificato una sostanza nella buccia del frutto chiamata acido idrossicitrico, o HCA, che ha alcune proprietà benefiche.

Garcinia cambogia è un integratore alimentare con estratto titolato di Garcinia che promuove l’equilibrio del peso corporeo e risulta utile per il controllo del senso di fame, nell’ambito di una dieta ipocalorica controllata, associata ad un buon livello di attività fisica e movimento.

Per essere commercializzata, La Garcinia cambogia viene trasformata in tè, in capsule, estratti, compresse e lozioni.

A cosa serve?

La Garcinia cambogia, oltre ad essere commercializzata per ridurre il senso di fame durante una dieta ipocalorica, è anche usata come integratore alimentare per reumatismi, problemi intestinali e altre condizioni.

Alcuni prodotti a base di Garcinia Cambogia