Garcinia Cambogia funziona?

“Alcuni studi hanno dimostrato che l’HCA blocca un enzima che trasforma lo zucchero in grasso”, ha detto Catherine Ulbricht, farmacista senior del Massachusetts General Hospital di Boston e co-fondatrice di Natural Standard Research Collaboration, che esamina le prove su erbe e integratori.Alcuni studi dicono che HCA funziona, e alcuni dicono che non funziona. Studi sugli animali condotti sull’HCA hanno dimostrato che i topi che assumevano la sostanza mangiavano meno, perdevano peso e producevano meno grassi dallo zucchero.

Gli studi sull’uomo hanno avuto risultati più contrastanti. Uno studio sulla perdita di peso non ha mostrato alcuna differenza tra le persone che hanno assunto Garcinia cambogia e quelli che hanno assunto una pillola differente. Altri studi invece, hanno evidenziato il collegamento che esiste tra l’HCA e la perdita di peso e livelli lipidici minori nel sangue.

Ovviamente, ha affermato Ulbricht, sono necessari altri studi clinici ben progettati prima di poter trarre conclusioni definitive.

Ma i risultati effettivi relativamente parlando di perdita di peso non sono stati così impressionanti. Una recensione medica pubblicata nel Journal of Obesity ha rivelato che le persone che hanno assunto garcinia cambogia negli studi hanno perso circa 2 chili in più rispetto alle persone che non l’hanno assunto. Gli studiosi però, non potevano affermare con certezza che la perdita di peso fosse dovuta proprio all’assunzione di integratori a base di garcinia. Potrebbe essere stato un risultato dato dalla dieta ipocalorica e dai programmi di esercizio seguiti che hanno ovviamente dato risultati differenti da persona a persona. Sono necessari studi migliori per scoprire se l’HCA possa aiutare davvero le persone a perdere molto peso e a non riprendere più i chili in eccesso persi.

Garcinia Cambogia come funziona?

Per chi vuole perdere peso e riuscire a seguire una dieta alimentare per dimagrire, sembra che il principio attivo contenuto nella buccia di garcinia cambogia, l’acido idrossicitrico o HCA, abbia aumentato il consumo di grassi e ridotto l’appetito nei sogetti sottoposti a studi scientifici negli Stati Uniti. Sembra anche avere la capacità di bloccare un enzima chiamato citrato liasi, che il corpo usa per produrre il grasso. In base agli studi sembrerebbe anche che garcinia cambogia riesca ad aumentare i livelli di serotonina, ed è per questo che riesce a far provare un senso di sazietà in chi assume integratori di garcinia cambogia.

L’acido idrossicitrico o HCA

L’acido idrossicitrico o HCA (dall’inglese hydroxycitric acid) è un derivato dell’acido citrico, presente in alcune varietà di piante tropicali come la Garcinia cambogia e l’Hibiscus sabdariffa. Studi di laboratorio e su animali hanno ottenuto risultati dimostranti una sua potenziale azione modulatrice sul metabolismo dei lipidi. Tuttavia, studi clinici hanno dimostrato che l’HCA non ha alcun effetto sulla perdita di grasso o sulla riduzione della massa grassa.[3] Una meta-analisi pubblicata nel 2010 ha dimostrato che i consumatori di acido idrossicitrico sono due volte più esposti al rischio di effetti gastrointestinali avversi. Il consumo di acido idrossicitrico è sconsigliato ai pazienti che soffrono di colite o malattie infiammatorie croniche intestinali. Inoltre è sconsigliata l’assunzione dell’acido idrossicitrico nei pazienti che risultano affetti dalle patologie: Alzheimer, demenza senile e diabete.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi