Posted on Lascia un commento

Curcuma cosa cura e non cura tra queste 9 patologie

Morbo di Crohn

Un tipo di malattia infiammatoria intestinale chiamata malattia di Crohn. Alcune prove suggeriscono che l’assunzione di curcumina, una sostanza chimica presente nella curcuma, ogni giorno per un mese può ridurre i movimenti intestinali, la diarrea e il mal di stomaco nelle persone con malattia di Crohn.


Diabete

Le prime ricerche mostrano che l’assunzione di curcuma potrebbe prevenire il diabete nelle persone con prediabete.


Mal di stomaco (dispepsia).

Alcune ricerche mostrano che l’assunzione di curcuma per bocca quattro volte al giorno per 7 giorni può aiutare a migliorare lo stomaco.


Malattie gengivali (gengivite).

Le prime ricerche suggeriscono che l’uso di un collutorio alla curcuma è efficace quanto un collutorio per terapia farmacologica per ridurre i livelli di malattie gengivali e batteri nella bocca delle persone con gengivite.


Ulcere allo stomaco causate da infezione da Helicobacter pylori (H pylori).

Le prime ricerche suggeriscono che assumere la curcuma ogni giorno per 4 settimane è meno efficace del trattamento convenzionale per eliminare alcuni batteri (H. pylori) che possono causare ulcere allo stomaco.


Sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Le prime ricerche suggeriscono che l’assunzione di un estratto di curcuma (Cynara Curmeric, Lichtwer Pharma) ogni giorno per 8 settimane riduce l’insorgenza di IBS in soggetti con IBS altrimenti sani.


Dolori articolari.

La ricerca mostra che l’assunzione di un prodotto specifico di combinazione (Instaflex Joint Support, Direct Digital, Charlotte, NC) contenente curcuma e altri ingredienti tre volte al giorno per 8 settimane riduce la gravità del dolore alle articolazioni. Ma non sembra aiutare la rigidità articolare o migliorare la funzione articolare.


Eruzione cutanea (Lichen planus).

L’assunzione di un determinato prodotto (Curcumin C3 Complex, Sabinsa Corp) contenente sostanze chimiche presenti nella curcuma tre volte al giorno per 12 giorni può ridurre l’irritazione della pelle causata dal lichen planus.


Cancro alla prostata.

La ricerca suggerisce che l’assunzione di una formula contenente polvere di broccoli, polvere di curcuma, polvere di frutta intera di melograno ed estratto di tè verde tre volte al giorno per 6 mesi previene un aumento dei livelli di antigene prostatico specifico (PSA) negli uomini con carcinoma della prostata. I livelli di PSA sono misurati per monitorare l’efficacia del trattamento del cancro alla prostata. Tuttavia, non è ancora noto se questa formula, o la sola curcuma, riduce il rischio di progressione o di recidiva del cancro alla prostata.

Alcuni prodotti a base di curcuma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *